Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Maximumfilm

Film su storie vere realmente accadute: horror e fantascienza

Le migliori storie vere realmente accadute dalle quali hanno poi realizzato un film horror o di fantascienza. Storie vere, insomma, documentabili e storicamente identificabili.
Questo è l'argomento di questo lungo post. Tutte le storie reali di cronaca incredibili, naturalmente riportate poi nei film e nella finzione cinematografica, fatte di eventi a volte paranormali, prive di logica, incomprensibili se vogliamo, altre volte ai confini della scienza e della razionalità, capaci di stupirci e di incuterci insieme meraviglia e timore. Esorcismi, storie di veri fantasmi, eventi reali mai spiegati dagli studiosi, apparizioni documentate e mai spiegate fino in fondo dagli osservatori diretti come i testimoni e da chi quelle vicende ha cercato di raccontarle, come giornalisti e scrittori. Film horror, di solito, ma anche del genere fantascienza, che spaziano dai famosi esorcismi documentati e storicamente dimostrabili alle apparizioni filmate o fotografate di occulte presenze (il famoso uomo falena) fino alle inspiegabili vicende di cronaca del tutto irrazionali  accadute nel corso della storia.
Se vi piacciono i film tratti da storie vere potete leggere anche l'articolo sui film ispirati ai veri serial killer
Buona lettura.




Film sulle storie vere realmente accadute.





1) THE EXORCISM OF EMILY ROSE
Regia di Scott Derrickson
La Storia vera:   La pellicola si ispira ad una vicenda realmente accaduta nel 1976 ad una ragazza tedesca, Anneliese Michel, morta in seguito ad un esorcismo.In basso l'attrice Laura Linney, protagonista del film e la vera Annaliese Michel, protagonista di un vero esorcismo da cui si ispira il film.
Scheda del film
Link al trailer
Una scena del film "The Exorcism of Emily Rose" con l'attrice Laura Linney in "Erin Bruner"
Anneliese Michel, la giovane ragazza tedesca a cui si ispira il film di Emily Rose


2) THE HAUNTING CONNECTICUT - IL MESSAGGERO
Regia di Peter Cornwell
La Storia vera:   Il film è basato sulla "vera storia" di attività paranormali vissuta dalla famiglia di Carmen Reed nel 1980. I Reed si trasferirono in una casa a Southington, Connecticut, per vivere più vicino a UConn, dove il figlio di Carmen era in cura per il cancro. Nel soggiorno la famiglia sostenne di aver avuto a che fare con una presenza demoniaca. Fornirono anche dettagliate descrizioni sui demoni che videro (si parlava di uno magno con gli occhiali rotondi e un'altro con occhi azzurri e smoking gessato). La vicenda è stata poi affrontata dalla famosa coppia di investigatori del paranormale, i coniugi Ed e Lorraine Warren. I risultati furono che la casa, in passato, era appartenuta ad una agenzia di pompe funebri (infatti furono ritrovati, nel seminterrato, le attrezzature mortuarie dell'impresa). Ulteriori scoperte furono che i titolari dell'impresa di pompe funebri furono coinvolti in alcuni casi di necrofilia. Scoprirono, poi, che le stanze in cui viveva la famiglia erano adibite a camere mortuarie e alla preparazione e all'esposizione delle salme.
La coppia di coniugi Lorraine dissero anche, alla stampa specializzata, che durante la notte si poteva sentire il suono di una bara che veniva trasportata. Quando investigarono l'origine dei rumori trovarono due donne che ballavano in cerchio e che scomparvero quando la coppia tentò di avvicinarsi.
I coniugi Lorraine dichiararono, dopo il film, che i fatti reali furono di gran lunga più terrificanti di quelli raccontati nella pellicola.
Scheda del film
Link al trailer
Una scena del film con l'attore Kyle Gallner che interpreta Matt Campbell, figlio di Sara
Carmen Reed Snedeker nel 1980, impersonata nel film da Virginia Madsen in "Sara Campbell"
La vera casa dei Reed nel "Southington"in Connecticut dove si svolsero le vicende del film

3) THE CONJURING - L'EVOCAZIONE
Regia di Scott Derrickson
La Storia vera:   Si tratta di un horror soprannaturale basato sui fatti reali riportati dalla coppia di ricercatori del paranormale Ed e Lorraine Warren. La storia è ambientata in America,nel New England, e i fatti si svolgono negli anni 70'. Si racconta il tentativo dei coniugi Warren, interpretati da Patrick Wilson e Vera Farmiga (vedi foto in basso), di aiutare una famiglia da poco trasferitasi in una casa infestata, i Perron (vedi foto). I fantasmi e le presenze saranno studiati a lungo dai coniugi Warren e gli stessi forniranno dei resoconti dettagliati dei reali accadimenti ai quali sono stati diretti testimoni.
Scheda del film
Link al trailer
Vera Farmiga e Patrick Wilson che interpretano i veri Ed e Lorraine Warren
I veri Ed e Lorraine Warren che hanno passato la vita a investigare su fenomeni paranormali
La vera famiglia Parron, protagonista degli eventi reali raccontanti nel film


4) THE AMITYVILLE HORROR
Prima versione del film nel 1979 di Stuart Rosenberg
Seconda versione del film nel 2005 di Andrew Douglas
La Storia vera:   Questa pellicola è ispirata alla vera storia della famiglia Lutz (George e Kathy Lutz) e della loro permanenza di soli 28 giorni nella casa stregata di Amityville, Long Island. La storia inizia nel novembre 1974, quando Ronald DeFeo Jr. uccise tutti i sei membri della sua famiglia nella loro casa al 112 Ocean Avenue. Nel dicembre 1975 George e Kathy Lutz e i tre figli di Kathy si trasferirono nella casa, ma la lasciarono dopo ventotto giorni asserendo che la casa fosse infestata da fantasmi.
Scheda del film del 1979
Scheda del film del 2005
Link al trailer del 1979
Link al trailer del 2005
L'attore Ryan Reynolds che interpreta George Lutz nel film del 2005
George e Kathy Lutz, protagonisti degli eventi reali da cui è tratta la saga di Amityville
La vera casa teatro degli eventi a "Amityville" cittadina della Contea di Suffolk, nello stato di New York


5) THE MOTHMAN PROPHECIES
Regia di Mark Pellington
La Storia vera:   La storia vuole che tra il 1966 e il 1967 nel west virginia diverse persone videro una creatura a forma di falena con grandi ali e occhi rossi come il fuoco. Secondo la leggenda vi fù una sorta di isteria di massa che culminò con un famoso incidente, il crollo del Silver Bridge. L'incidente fu associato alle strane apparizioni e così fu fatto il film legando le due vicende. Sulle storie presunte vere dell'uomo falena sono stati girati anche molti documentari.
Scheda del film
Link al trailer
Richard Gere in una scena del film che interpreta il giornalista John Klein
Una presunta apparizione dell'uomo falena nel silver bridge
Il ponte silver bridge dopo il crollo che causò molte vittime
Un vero articolo di giornale che racconta delle apparizioni dell'uomo falena


6) L'ESORCISTA
Regia di William Friedkin
La Storia vera:   La sceneggiatura del film è tratta dall'omonimo romanzo di successo del 1971 L'esorcista, scritto dallo stesso autore e produttore del film, William Peter Blatty. Il romanzo era stato a sua volta ispirato da un articolo del Washington Post dell'agosto 1949 che narrava di un presunto esorcismo praticato ad un ragazzo di 14 anni a Mount Rainer, nel Maryland; tra i fenomeni soprannaturali descritti nell'articolo, poi rilanciati anche da altri quotidiani, vi erano movimenti autonomi del letto del ragazzo, del materasso, di una pesante poltrona e altri oggetti minori, rumori inspiegabili provenienti dai muri e grida del ragazzo in latino, una lingua che non aveva mai studiato.
Scheda del film
Link al trailer
La presunta chiesa in cui si svolsero una parte dei fatti che ispirarono l'esorcista
La Georgetown University Hospital sede di alcuni dei presunti eventi reali
St. Louis University luogo legato agli eventi raccontanti nell'articolo del Washington Post


7) LA BAMBOLA ASSASSINA (Child's Play) (1988)
di Tom Holland
La Storia vera:   Il film si ispira alla vicenda di Robert la bambola, realmente esistita, detta anche la bambola fantasma o la bambola incantata, appartenuta a Robert Eugene Otto, pittore e autore del Key West. Secondo la leggenda la bambola è posseduta da spiriti maligni.
Robert Eugene Otto la ricevette in regalo a cinque anni da un servitore di origini africane. Secondo la leggenda, tale servitore era un praticante della magia nera e di rituali voodoo, che gli donò la bambola per lanciargli una maledizione. In seguito avvennero degli strani ed inquietanti episodi: i genitori erano del parere che la bambola parlasse e i vicini sostenevano di averla vista addirittura muoversi durante la loro assenza, notando i suoi movimenti da una finestra all'altra della casa. Anche se inizialmente credettero che il bambino fosse in vena di scherzi, si convinsero fermamente che la bambola non fosse normale e decisero di metterla da parte in soffitta, preoccupati per l'innaturale ansia del figlio. Fino alla sua morte, avvenuta nel 1974, Eugene sosteneva che la bambola fosse maledetta.
La bambola rimase in soffitta fino a quando la casa non venne acquistata da un'altra famiglia. La nuova famiglia aveva una bambina di dieci anni, che trovò la bambola girovagando per la casa. Una notte la bimba gridò e affermò ai suoi genitori che la bambola l'aveva aggredita, nel tentativo di assassinarla. Ancora oggi, da adulta, continua a sostenere la presunta vitalità di Robert.
Oggi la bambola si trova ancora nella casa di Eugene, trasformata in un museo locale chiamato East Fort Martello Museum, dove desta ancora oggi molta curiosità e divenendo la maggiore attrazione della città. Infatti, secondo le varie testimonianze dei visitatori, i poteri paranormali della bambola sono ancora attivi. Sembra che se un visitatore vuole fare una foto alla bambola, debba prima chiederle educatamente il permesso; quelli che non lo fanno sostengono che la foto appaia sfocata e che la bambola assuma strane posizioni della testa nell'immagine. Altri, non credendo ai poteri paranormali della bambola, sostengono di aver subito un malfunzionamento della macchina fotografica da quel momento, malfunzionamento che svanisce nel momento stesso in cui lasciano il museo. Secondo vari studi, i capelli della bambola non sono affatto veri come molti credono, svelando che in verità sono un filato di lana sintetica che li fa sembrare tali (Fonte Wikipedia: Robert la bambola)
Link al trailer
Chucky, la bambola protagonista del film "La bambola assassina"
Robert la bambola, dalla cui storia prende spunto il film "La bambola assassina"
Primo piano di Robert la bambola, conservata al East Fort Martello Museum.


8) WOLF CREEK (2005) 
WOLF CREEK 2 (2014)
Entrambi i film di Greg McLean
La Storia vera: Il film è basato su una storia realmente avvenuta. L'Australia negli anni novanta conobbe il peggior assassino che la storia del suo paese ricordi: Ivan Milat. Sceglieva come vittime soltanto i turisti che portavano il sacco a pelo. L'assassino venne catturato dalla polizia e condannato all'ergastolo, diversamente dal film. Backpacker Murders (Gli omicidi dello zaino[1]) è il nome dato alla serie di omicidi. I corpi di 7 giovani scomparsi vennero ritrovati parzialmente sepolti nel Belanglo State Forest, 15 km a sudovest della cittadina di Berrima. Cinque delle vittime erano saccopelisti stranieri in viaggio per l'Australia e due erano australiani di Melbourne. Ivan Milat è stato condannato per gli omicidi a 7 ergastoli e 18 anni.
Sono state fatte speculazioni circa la possibilità che non fosse da solo durante l'esecuzione degli omicidi e che possa averne commessi fino ad un totale di 37; se questo fosse provato Milat sarebbe il killer più "prolifico" della storia australiana.
Scheda del primo film
Scheda del secondo film
Link al trailer
L'attore John Jarratt che nel film impersona il vero assassino "Ivan Robert Marko Milat"
Il vero killer australiano Ivan Robert Marko Milat in una foto da giovane
Ivan Robert Marko Milat agli arresti dopo la scoperta dei fatti

9) AN AMERICAN CRIME (2007)
di Tommy O'Haver
La Storia vera: Il film racconta la storia vera di Sylvia Marie Likens, una ragazza americana dell'Indiana vittima di un brutale omicidio.
È stata torturata fino alla morte da Gertrude Baniszewski (vedi foto), i suoi figli, e altri giovani del loro quartiere. I suoi genitori, che erano giostrai, avevano lasciato Sylvia e sua sorella Jenny nelle mani della famiglia Baniszewski tre mesi prima della sua morte in cambio di 20 dollari alla settimana. La Baniszewski, due dei suoi figli, Paula e John, e due giovani del quartiere, Coy Hubbard e Richard Hobbs, furono incriminati e condannati per il delitto. La tortura e l'assassinio di Sylvia Likens furono descritti dal pubblico ministero nel processo contro la Baniszewski come "il peggior crimine mai commesso nello Stato dell'Indiana
Ricordo che sulla vicenda è stato fatto anche un altro film, meno fedele ma pur sempre ispirato ai fatti reali, e il titolo è "LA RAGAZZA DELLA PORTA ACCANTO"
Scheda del film
Pagina Wikipedia della vera storia di Sylvia Marie Likens
Pagina Wikipedia dell'assassina Gertrude Baniszewski
Link al trailer
A destra l'attrice Ellen Page nei panni di "Sylvia Likens"
Il giovane Richard Hobbs, amico della famiglia Baniszewskiee la signora Gertrude Baniszewskidurante il processo per l'omicidio della giovane Sylvia Likens
La vittima: Sylvie Marie Likens
Da sinistra, il giovane John Baniszewski con l'amico e complice Coy Hubbard
John Baniszewski e la sorella Paula Baniszewski
Da sinistra, John Baniszewski, Coy Hubbard e Richard Hobbs


10) OPEN WATER (2003)
di Chris Kentis
La Storia vera: L'idea di base del film è stata tratta dalla storia vera occorsa nel 1998 a due subacquei statunitensi, Tom ed Eileen Lonergan, sulla grande barriera corallina australiana, dimenticati dall'imbarcazione di appoggio nel corso di un'immersione, i cui corpi non sono mai stati ritrovati. Poco tempo dopo, nella stessa zona, è stata ritrovata una macchina digitale subacquea nello stomaco di uno squalo pescato, e i due fatti sono stati collegati.
Gli eventi del film, dunque, sono una ricostruzione ipotetica dell'autore sul possibile e reale svolgimento dei fatti e ha messo in relazione i due eventi qui sopra citati. Le due vittime potrebbero infatti essere decedute per annegamento o disidratazione, piuttosto che per attacchi di squali.
Scheda del film
Documento sulla storia vera di Tom ed Eileen Lonergan
Link al trailer
Una scena del film "Oper Water" del 2003
I veri protagonisti della triste vicenda, i coniugi Tom and Eileen Lonergan, scomparsi nelle acque della grande barriera corallina e mai più ritrovati.


11) LA CITTA' CHE AVEVA PAURA (1976)
di Charles B. Pierce
Sequel del film del 2014  "The Town That Dreaded Sundown"
di Ryan Murphy
La Storia vera: Il soggetto è ispirato ad avvenimenti realmente accaduti nella località di Texarkana (Texas) durante il 1946. L'assassino seriale ottenne i soprannomi "Il killer fantasma" e "Fantasma di Texarkana", mentre il caso giudiziario aperto fu ribattezzato "Omicidi al chiaro di luna di Texarkana" (en. Texarkana Moonlight Murders).
Il periodo d'azione dell'assassino fu in un arco compreso dal 23 febbraio al 4 maggio 1946, date del primo e ultimo omicidio, per un totale di cinque vittime e tre tentati omicidi. I sospetti ricaddero su Youell Swinney, ma l'uomo non fu mai ufficialmente indagato per il fatto.
Scheda del film del 1976
Scheda della vera storia del fantasma di Texarkana
Link al trailer del 1976
Link al trailer del sequel del 2014
Il killer fantasma" o "Fantasma di Texarkana" nel primo film del 1976
Il killer fantasma"nel sequel del 2014
La foto dei veri investigatori che portarono avanti le indagini sul "Killer Fantasma"
Una foto su uno degli omicidi del "Killer Fantasma"


12) ENTITY (1981)
Di Sidney J. Furie
La Storia vera: Il film racconta il caso dei presunti fenomeni paranormali a miss Doris Bither, madre di quattro figli, avuti da quattro padri diversi, abitante presso una casa di Culver City, vicino a Santa Monica, California, fu studiato soprattutto nell'estate 1974. All'epoca poco più che trentenne, con un passato affettivo tormentato, la signora Doris Bither si rivolse all'equipe della nota Università della California di Los Angeles (UCLA), affermando di esser ormai da mesi infestata in casa da una (o più) entità invisibile/i dalla/e quale/i si sentiva toccata, quindi aggredita, picchiata e, una volta, persino stuprata. Ne furono documentati anche vari i referti medici, in merito a varie lividure sul suo corpo. Il tutto fu corredato da altri fenomeni, presunti paranormali, quali, ad esempio, un inspiegabile cattivo odore, lampi di luce, o ancora il frequente abbassamento della temperatura ambientale e sporadici fenomeni di psicocinesi.
Scheda del film
Link al trailer
L'attrice Barbara Hershey che nel film interpreta la vera Doris Bither
La vera casa di Doris Bither in cui si svolsero gli eventi paranormali
La foto di un evento paranormale dentro l'abitazione di Doris Bither fotografato dai presenti.


13) QUEL MOTEL VICINO ALLA PALUDE (1977)
di Tobe Hooper
La Storia vera: Il film è ispirato alle vicende di Joe Ball, il leggendario serial killer che uccise moltissime donne negli anni '30. Talvolta soprannominato come The Alligator Man, il Butcher of Elmendorf e il Bluebeard of South Texas, perchè il mito vuole che il mostro uccidesse persone per darle in pasto ai suoi alligatori.
Sarà incastrato per l'uccisione della moglie e della sua ex fidanzata.
Scheda del film 
Link al trailer
Una scena del film "Quel motel vicino alla palude" del 1977
Una rarissima foto del vero killer Joe Ball e della sua casa dalla cui storia vera trasse ispirazione il film


14) PAURA PRIMORDIALE (PRIMEVAL) (2007)
di Michael Katleman
Storia vera:  La storia si ispira ad un coccodrillo dal nome Gustave che esiste veramente. È un esemplare di coccodrillo del Nilo (Crocodylus niloticus) di grandi dimensioni, lungo oltre 6 metri e pesante una tonnellata, che vive nelle foreste del Burundi lungo il fiume Ruzizi. Si dice abbia divorato più di 300 persone (numero sicuramente esagerato). Prima un esperto cacciatore, poi un'équipe di scienziati e infine uno stregone hanno tentato di catturarlo, ma senza successo. L'ultimo avvistamento di Gustave risale a febbraio 2008.
Link al trailer
Una scena del film "Paura primordiale" con il protagonista "Gustave" il coccodrillo
Uno degli esemplari più grandi di coccodrillo mai ritrovati. Il vero Gustave sarebbe di circa queste dimensioni

Il fiume Ruzizi, sede degli avvistamenti del coccodrillo Gustave. Spesso chiamato Rusizi, scorre dal lago Kivu al lago Tanganica in Africa centrale nella regione dei Grandi laghi.

15) LIBERACI DAL MALE (2014)
di Scott Derrickson
La storia vera: Ispirato alla storia vera del detective del Dipartimento di Polizia di New York Ralph Sarchie che si troverà ad investigare su strani casi di esorcismo di cui fù diretto spettatore. Gli eventi realmente accaduti saranno raccontati nel libro "Beware the Night" che lo stesso poliziotto newyorkese Ralph Sarchie scriverà con la collaborazione di Lisa Collier Cool.
Scheda del film 
Link al trailer
A sinistra L'attore Eric Bana che nel film interpreta il vero poliziotto Ralph Sarchie
Il vero detecrive Ralph Sarchie con l'attore Eric Bana dopo l'uscita del film

Il detective Ralph Searchie quando era ancora in servizio nel dipartimento di Polizia di New York.


16) BORDELAND - LINEA DI CONFINE (2007)
di Zev Berman
La storia vera:  Il film si ispira alla scomparsa dello studente americano Mark Kilroy, avvenuta in Messico nel 1989. Il ragazzo fu rapito per essere sacrificato dal capo di una banda criminale (Adolfo de Jesus Costanzo), e il suo cervello donato come offerta sacrificale, prima che la polizia riuscisse ad identificare il nascondiglio della setta e uccidere il leader durante una feroce sparatoria. La vera storia si svolse nel 1989 nelle strade di Matamoros, nella regione di Tamaulipas, in Mexico.
Scheda del film 
Scheda di Mark Kilroy da Wikipedia
Scheda  dell'autore del delitto Adolfo de Jesus Costanzo
Link al trailer
Una scena di violenza del film "Bordeland-linea di confine" del 2007
La vera vittima delle reale vicenda a cui si ispira il film, il giovane Mark Kilroy, ucciso e offerto in sacrificio.
I veri autori del sacrificio di Mark Kilroy, "Adolfo de Jesus Costanzo", detto "The Godfather of Matamoros" e la compagna "Sara María Aldrete Villareal" detta la madrina


17) THE SACRAMENT (2013) (News del 25 Agosto 2015)
di Ti West
La storia vera:  Il film si ispira alla vera storia del "massacro di Jonestown (Guyana)" in cui, il 18 novembre 1978, ben 909 abitanti appartenenti ad una comunità vennero assassinati con cianuro. La decisione fu discussa dalla comunità stessa in assemblea poco prima del drammatico evento: fu registrato un nastro, in cui il capo della setta, un certo pastore Jim Jones e altri membri del gruppo si riferirono al gesto come ad un "suicidio rivoluzionario". Come racconta il film, il suicidio di massa di Jonestown fu preceduto dalla morte di cinque persone per mano di membri del Tempio alla pista d'atterraggio di Port Kaituma, tra le quali il membro del Congresso Leo Ryan, primo e unico deputato nella storia degli Stati Uniti a essere assassinato in servizio.
Scheda del film 
Scheda della comunità di Jonestown da Wikipedia
Scheda  del principale responsabile del massacro, il pastore Jim Jones
Link al trailer
Una foto del vero pastore Jim Jones, responsabile del suicidio di massa a Jonestown
Una immagine di alcune abitazioni di Jonestown, nella Comunità chiamata "Progetto Agricolo del Tempio del Popolo" in cui avenne il massacro
Una foto di repertorio con i morti suicidi cosparsi nel terreno all'interno della comunità.
Una scena del film in stile "finto documentario" o "Found Fottage" dal titolo "The Sacrement".


18) AN AMERICAN HAUNTING (2005) (News del 26 Ottobre 2015)
di Courtney Solomon
La storia vera:  Il film racconta la storia vera di una famiglia del Tennessee, la famiglia di John Bell, che tra il 1818 e il 1820 è stata presa di mira da uno spirito evocato da una donna accusata di stregoneria. Storicamente, la strega è conosciuta con il nome della "Strega di Bell". Ricordiamo che sulla stessa storia è stato poi girato un altro film horror ormai conosciuto dal grande pubblico, ovvero "The Blair Witch Project " anch'esso basato sulla storia della "Strega di Bell". La forza e la potenza dello spirito arrivarono a causare la morte di uno dei membri della famiglia. La vicenda è considerata come l'unico caso nella storia degli Stati Uniti in cui uno spirito o una qualche altra entità ha causato la morte di un uomo.
Scheda della Strega di Bell
Elenco dei film che raccontano la storia della Strega di Bell: 
Scheda del film  "An American Haunting"
Scheda del film "The Blair Witch Project"
Scheda del film "Bell Witch Haunting" del (2004)
Scheda del film "Bell Witch: The Movie" del (2007)

Link al trailer di "An American Haunting"
Una vecchia foto della fattoria della famiglia di John Bell, nella contea di Robertson, Tennessee.
Casa Bell in un dipinto d'epoca pubblicato nel 1854.
La tomba della figlia di John Bell, Betsy Bell, anch'essa protagonista degli eventi paranormali
Una scena del film con il famoso attore "Donald Sutherland" che interpreta la parte del capofamiglia "John Bell"


19) DEVIL'S PASS (2013) (News del 26 Ottobre 2015)
di Renny Harlin
La storia vera:  La storia si ispira al fatto realmente accaduto e conosciuto sotto il nome dell'"incidente del passo di Djatlov" in cui trovarono la morte un gruppo di turisti di Dyatlov. L'evento accadde il 2 Febbraio del 1959, e avenne che nove escursionisti accampati nella parte settentrionale dei monti Urali hanno trovato la morte per cause rimaste sconosciute.
Pensate che gli investigatori sovietici che si recarono nel posto per analizzare i corpi delle vittime parlarono di morti erano state provocate da "una irresistibile forza sconosciuta" Lo svolgimento dei fatti resta tuttora non chiaro anche per l'assenza di sopravvissuti
Scheda del film 
Scheda di Incidente del passo Djatlov da Wikipedia
Link al trailer del film
Una scena reale del ritrovamento delle tende in cui hanno soggiornato il gruppo di turisti russi.
Una vera foto delle vittime prima di partire per il viaggio in montagna in cui troveranno la morte.
Una foto di repertorio che mostra il ritrovamento dei corpi nel ghiaccio.
Altra macabra foto dei corpi ritrovati nella montagna in seguito ai tragici eventi.
Una lapide posta ai piedi del passo Djatlov per commemorare le nove vittime di quel tragico evento.
Una foto del film "Devil's Pass" che racconta una teoria sul verificarsi degli eventi quel lontano 1959 nel passo di Djatlov


20) RAVENOUS – L’INSAZIABILE (1999) (News del 19 Novembre 2015)
di Antonia Bird
La storia vera:  L'insaziabile (Titolo originale "Ravenous") è un film ispirato agli episodi di cannibalismo che si verificarono nella seconda metà dell'Ottocento durante le spedizioni dei pionieri americani dirette in California. La storia raccontata nel film riguarda la fallita spedizione Donner, in cui un gruppo di pionieri americani, nel XIX secolo, partì per la California con una colonna di carri. A causa di alcune disavventure il convoglio fu costretto a trascorrere l'inverno tra il 1846 e il 1847 accampato sulla Sierra Nevada. Alcuni di loro, per sopravvivere, ricorsero al cannibalismo, nutrendosi dei compagni di viaggio. Gli storici hanno descritto l'episodio come una delle più terribili tragedie della storia della California e in generale della colonizzazione verso l'ovest.
Scheda del film 
Scheda della "Spedizione Donner" da Wikipedia
Link al trailer del film
Dipinto dell'accampamento sul "lago Truckee" basato sul racconto di William Graves.
Antica fotografia di due dei veri protagonisti della vicenda, James e Margret Reed
Una foto dei sopravvissuti alla spedizione Donner.
Il Passo Frémont, 2160 metri, fu ostruito dalla neve nei primi giorni di novembre del 1846. Oggi viene chiamato Passo Donner. L'immagine risale al decennio 1870-80.
Una foto attuale del "lago Truckee" dove si svolsero gran parte delle vicende storice della spedizione
Due dei protagonisti del film, da sinistra, l'attore Britannico Robert Carlyle, nella parte del Colonnello Ives e l'attore Australiano Guy Pearce nella parte del Capitano John Boyd



FILM SU UNA PRESUNTA STORIA VERA MA DI CUI NON SI CONOSCONO LE FONTI PRECISE E GLI EVENTI REALI NON SONO DIRETTAMENTE RICONDUCIBILI A UN FATTO STORICO IDENTIFICABILE



1) THE BLOB (1959)
di Irvin Yeaworth
La presunta storia vera: Si narra che il film sia basato sulla storia di una strana gelatina viola comparsa in una fattoria di Philadelphia nel 1950. E secondo le cronache dell’epoca anche lei scese dal cielo salvo svanire nel nulla. Non ci sono testimonianze attendibili su questo evento e non si hanno notizie circa l'effettiva intenzione del regista di ispirarsi a questa presunta vicenda.


2) PSYCO (1960)
di Alfred Hitchcock 
La presunta storia vera:  Si dice che il protagonista di Psycho, Norman Bates, è ispirato alla persona di Ed Gein, un residente del Wisconsin arrestato nel 1957 per aver ucciso due ragazze e aver disseppellito i cadaveri di numerosissime donne che gli ricordavano la madre defunta. Si tratta solo di una lontana ispirazione poichè i reali fatti di Ed Gein, raccontati in alcuni film ben più fedeli alla vera storia (puoi leggere qui il film sulla vera storia di Ed Gein), non sono lontanamente rispecchiabili nelle vicende romanzate e distorte raccontate nel film di Hitchcock


3) NON APRITE QUELLA PORTA (1974)
di Tobe Hooper 
La presunta storia vera:  Si suole far risalire questa storia a più vicende reali. In realtà non esiste nessuna storia vera che sia simile alle vicende raccontate nel film.


4) LO SQUALO (1975)
di Steven Spielberg 
La presunta storia vera: Si dice che il film ed il racconto si basassero su una storia vera avvenuta nel New Jersey nel 1916 in cui alcuni squali attaccarono l'uomo. Anche quì non vi è nulla di certo e le vicende reali del 1916 sono molto diverse da quelle raccontate nel film.


5) IL RITO (2011)
di Mikael Håfström 
La presunta storia vera:  Più che una storia vera, Il rito (The Rite) è un film del 2011 che si è semplicemente ispirato ad un saggio del 2009, "Il rito: Storia vera di un esorcista di oggi" di Matt Baglio.


6) A NIGHTMARE ON ELM STREET (1984)
di Wes Craven 
La presunta storia vera:  Un giorno il Los Angeles Time riporta un articolo su delle strane morti avvenute in asia. Alcuni giovani morivano improvvisamente nel sonno senza alcuna spiegazione. Si dice che il regista si sia ispirato a tali storie. In realtà non è certo ne il fatto che il regista Craven si sia ispirato a quelle vicende ne che le vicende siano mai accadute. 


7) LE COLLINE HANNO GLI OCCHI (The Hills Have Eyes) (1977)
di Wes Craven 
La presunta storia vera:  Non esiste nessun evento reale come quelli raccontati nel film. Alcuni hanno poi sostenuto che il regista si riferisse alla storia del leggendario Sawney Bean e della sua famiglia di cannibali. Durante il XV°-XVI° secolo, il clan di Bean aggredì, derubò e macellò decine, forse centinaia, di innocenti per poter sfamare i 48 membri della famiglia, quasi tutti frutto di incesto.


8) IL SERPENTE E L'ARCOBALENO (The Serpent and the Rainbow) (1988)
di Wes Craven 
La presunta storia vera:  Più che una storia vera il film si è ispirato ad un saggio di un professore di Harvard, "Wade Davis", che scrisse Il serpente e l’arcobaleno, ovvero uno studio scientifico del fenomeno del Vodoun ad Haiti. Un libro serio, che spiega in modo accurato come l’autore ha scoperto ad Haiti la base farmacologica dello zombismo. Ironicamente, dal libro, che ha largamente ridimensionato i miti e le leggende pulp creati da Hollywood, fu in seguito tratto il film.


9) L'ALTRA FACCIA DEL DIAVOLO (The Devil Inside) (2012)
di William Brent Bell
La presunta storia vera:  Non esiste nessuna storia direttamente riconducibile alle vicende narrate nel film ma semplicemente una ispirazione ad un libro che tratta di esorcismo e di prensunti eventi in cui l'esorcismo è stato praticato.



14 commenti:

  1. Questo è l'articolo più curato e con maggiori fonti citate sulle storie vere da cui sono stati realizzati dei film. Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per il complimento. Ho evitato di inserire tutte le presunte storie vere che girano in rete perchè si sono rivelate quasi sempre fandonie. Solo quelle con le fonti di wikipedia sono state inserite nel post.

      Elimina
  2. Bell'articolo ma ne approfitto per fare solo una precisazione. Il film "la ragazza della porta accanto" di Wilson si basa sul libro scritto da Jack Ketchum che è solo ispirato alla storia vera di Sylvia Likens tant'è che ci sono delle cose completamente diverse dalla storia vera come per esempio il fatto che i nomi vengono cambiati (ma questo è il minimo), le due ragazze non hanno alcun legame di parentela con l'aguzzina e non sono orfane. Ci sono poi tanti altri particolari che con la storia vera non centrano assolutamente nulla.
    Il film che racconta la storia vera di Sylvia è "An american crime" in quanto è basato sugli atti giudiziari dell'epoca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Precisazione di cui ti ringrazio tantissimo. Provvedo immediatamente a modificare il post e inserire il titolo da te citato "An american crime" visto che ripropone più fedelmente i fatti realmente accaduti. Lo dico sempre che sono le dritte dei lettori a migliorare i post. Grazie mille.

      Elimina
  3. GRANDE QUESTO ARTICOLO...ANIELLO

    RispondiElimina
  4. da fatti reali realmente accaduti è anche il film ALIVE.e quello con i sopravissutti ad una spedizione su Everest che per vivere hanno mangiato la carne congelata dei altri loro compagni..sorteggiati per sacrificarsi come pasto..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si vero lara, ma quel film non l'ho mai considerato ne horror ne fantascienza. Lo troverai, infatti, in un apposito post che ho fatto sui film relativi alle situazioni di sopravvivenza estrema nella natura. Quel film e molti altri film simili, piu di avventura (alcuni storie vere come alive) piuttosto che horror.

      Elimina
  5. unico appunto,l'ultima foto nella scheda del film"Entity",non rappresenta nè Doris Biter,nè i figli.Ma è una foto del famoso caso di infestazione poltergeist della famiglia inglese Hodgson,nello specifico rappresenta Janet Hodgson vittima della forza del poltergeist.Ciao e grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per l'informazione. Provederò a modificare la foto.

      Elimina
  6. Bella consolazione visto che ho comprato la bambola di Chucky che é appena arrivata ieri e già iniziano a succedere cose strane .. sarà la suggestione. . Bo .. sta di fatto però che pensavo fosse solo un film. Tutto inventato.. ed invece adesso leggo qua e aiuto..paura..be vorrà dire che per precauzione comprerò una catena con lucchetto e la notte lo terrò chiuso nell armadio .. non si sa mai..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova a legarla,se il giorno dopo non avrà più le catene allora li dovrai preoccuparti o se durante la notte succede qualcosa e la mattina la ritrovi legata ancora li devo preocuparti moltissimo.
      Meril

      Elimina
  7. Alcuni di questi film non li ho visti, ma la storia di Robert la bambola mi ha un po' colpito almeno non è una cosa banale come cuckie o come si scrive. comunque sia tra tutti questi che hai detto il mio preferito riamane l'evocazione,anche se la seconda part non mi emoziona così tanto. però secondo me se un horror non è tratto da una storia vera non può considerarsi horror. perché saper che sono successe quelle cose lo rende ancora più inquentante. comunque sia io sonmo una patitta di HORROR. li amo.
    ciao Meril

    RispondiElimina
  8. Raffaele Bonino1 dicembre 2016 01:04

    ottima scelta,ma avrei aggiunto le vicende di NOME ALASKA ,a proposito mi piacerebbe saperne qualcosa di piu',visto che e' stato messo in dubbio persino l'esistenza della dottoressa che segui' da vicino quel caso dove scomparve la propria figlia.grazie

    RispondiElimina